Seguici su Forma.temp Ebitemp in
Tutela Sanitaria

Tutela sanitaria Covid 19

AVVISO DEL 24 FEBBRAIO 2022

Si avvisa che è stata raggiunta la soglia del 70% del plafond di spesa disponibile per le prestazioni Covid relative alla Tutela Sanitaria (Ricoveri ospedalieri per Covid-19; Riabilitazione respiratoria per Covid-19; Sussidio per casi isolamento/quarantena dovuti al Covid-19 non coperti da contratto e previdenza/assistenza).
In virtù di tanto, quindi, si comunica che EBITEMP non potrà garantire l’accoglimento di tutte le richieste pervenute in data successiva alla pubblicazione del presente avviso.
Resta in ogni caso fermo il principio secondo cui le istanze saranno evase nel rigoroso rispetto dell’ordine cronologico di ricezione delle stesse.

AVVISO DEL 29 MARZO 2022

Si informano le lavoratrici e i lavoratori che, in ottemperanza alle disposizioni Governative che dispongono per il 31 marzo 2022 la cessazione dello stato di emergenza Covid-19, anche le prestazioni straordinarie per covid- 19 non subiranno ulteriori deroghe rispetto ai termini prestabiliti dalle Parti nell’ultimo accordo di Gennaio 2022.
I termini e le scadenze restano visibili nel sito di Ebitemp nella sezione PRESTAZIONI STRAORDINARIE COVID-19.
Resta inteso che le richieste regolarmente pervenute a Ebitemp prima della scadenza dei termini, continueranno ad essere valutate secondo l’ordine cronologico di ricezione e indennizzate in caso di disponibilità del plafond residuo.

Tutela Sanitaria Covid-19

Per contrastare l’emergenza sanitaria in atto legata alla diffusione del COVID-19 è stato messo a disposizione dei lavoratori un nuovo plafond di € 1.300.000.

Il nuovo plafond è destinato a soddisfare le istanze per prestazioni di Tutela Sanitaria legate al Covid-19 ricevute da Ebitemp sino alla data del 12/02/2021 e a coprire le richieste pervenute a partire dal 24/05/2021 per le prestazioni attive incluse nel “nuovo” pacchetto “Tutela Sanitaria per Covid” (Ricoveri ospedalieri per COVID-19; Riabilitazione respiratoria per COVID-19; “Sussidio per casi isolamento/quarantena dovuti al Covid-19 non coperti da contratto e previdenza/assistenza”).

Le richieste di prestazioni saranno valutate e, in caso positivo, liquidate rispettando rigorosamente l’ordine cronologico di ricezione delle stesse. In caso di esaurimento del plafond sopra indicato, le prestazioni non potranno più essere erogate. In tal caso Ebitemp comunicherà ai lavoratori, sul proprio sito istituzionale, l’avvenuto esaurimento dei fondi messi a disposizione.

Tutte le istanze per prestazioni rientranti nel “nuovo” pacchetto di “Tutela Sanitaria per Covid” vengono valutate da Ebitemp –con il supporto della Cassa Mutualistica- al fine di verificare la correttezza e completezza della documentazione a corredo. Nel caso di carenza della documentazione richiesta Ebitemp –sospenderà l’istruttoria e invierà al lavoratore richiesta di integrazione documentale che dovrà pervenire al massimo entro 60 giorni di calendario, trascorsi i quali, senza che sia intervenuta idonea integrazione documentale, l’istanza si intenderà rinunciata e quindi respinta.

Le prestazioni rientranti nel pacchetto Tutela SanitariaCovid-19 sono le seguenti:

1. Ricoveri Ospedalieri per Positività al Covid-19

2. Sussidio per casi isolamento/quarantena dovuto al Covid-19 non coperti da contratto e previdenza/assistenza

3. Riabilitazione respiratoria per Covid-19


1. Ricoveri Ospedalieri per Positività al Covid-19

Per tutti gli aventi diritto alle assistenze di tutela sanitaria, è previsto un sussidio giornaliero di50 euro per ogni giorno di ricovero ospedaliero certificato per Covid-19, a partire dal primo giorno di ricovero e per un massimo di 50 giorni, (importo massimo di Euro 2.500). Il contributo viene erogato anche in caso di ricoveri di coniuge e figli, fiscalmente a carico, per positività al Covid-19.

L’erogazione del sussidio per Ricoveri ospedalieri per Covid-19 è destinata esclusivamente alle lavoratrici ed ai lavoratori con contratti di lavoro in somministrazione sia a tempo determinato che a tempo indeterminato con contratti attivi o che abbiano svolto almeno 30 giorni di attività lavorativa nell’arco di 120 giorni di calendario, nonché per i 120 giorni successivi alla cessazione del rapporto di lavoro.

Il diritto a richiedere il sussidio decade decorsi 120 giorni dalla data di dimissione dal ricovero.

La prestazione è attiva in modalità retroattiva per eventi verificatisi a partire dal 1 gennaio 2020 e fino al 31 marzo 2022.

Il diritto a richiedere il sussidio decade decorsi 120 giorni dalla data di dimissione dal ricovero.

Documentazione richiesta

Le richieste di rimborso possono essere inviate direttamente on line grazie all’area riservata  My Ebitemp con pochi e semplici passaggi;

oppure utilizzando il modulo da inviare tramite raccomandata a/r al seguente indirizzo:

Ebitemp C/O Cassa Mutualistica Interaziendale Viale San Gimignano, 30/32 – 20146 Milano.

allegando:

  • per le lavoratrici e i lavoratori con contratto di somministrazione a tempo determinato, copia del contratto ed eventuali proroghe;
  • per le lavoratrici e i lavoratori con contratto di somministrazione a tempo indeterminato, copia del contratto, lettere di assegnazione ed eventuali proroghe;
  • copia ultima busta paga;
  • copia del codice fiscale del richiedente e documento d’identità;
  • Copia del certificato di ricovero* completo data ricovero (da cui risultino: data di ingresso, data dimissione e diagnosi accertata di positività al Covid-19).

*Qualora sulla Lettera di dimissioni rilasciata dall’ospedale non fosse indicata la positività al COVID-19, o non fosse espressamente indicato il “Ricovero per COVID-19”, sarà necessario inviare copia, conforme all’originale, della cartella clinica o ulteriore documentazione dalla quale si evinca la positività al virus.

In caso di richiesta di rimborso per familiari fiscalmente a carico (limitatamente a coniuge e figli), in aggiunta alla suddetta documentazione allegare:

  • copia del codice fiscale del paziente/familiare
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione/variazione dei familiari conviventi fiscalmente a carico.

Nel caso i familiari risultino fiscalmente a carico del lavoratore al 50% il rimborso erogato da Ebitemp sarà pari al 50% di quanto spettante.

Nel caso di recidiva dei lavoratori o dei loro i familiari a carico si potrà presentare una nuova richiesta che sarà sottoposta all’attenzione della Commissione Prestazioni che la valuterà a suo insindacabile giudizio.


2. Sussidio per casi isolamento/quarantena dovuto al Covid-19 non coperti da contratto e previdenza/assistenza

E’ previsto il riconoscimento di un sussidio per le lavoratrici e i lavoratori in situazioni di isolamento/quarantena, secondo le seguenti caratteristiche:

  • lavoratrici e lavoratori a tempo determinato senza missione attiva, il cui isolamento/quarantena, dovuto a positività da Coronavirus e iniziato durante la missione, sia proseguito oltre la scadenza della stessa

–> riconoscimento di un sussidio di 50 euro per ogni giorno di isolamento/quarantena eccedente la fine della missione e fino a un importo massimo di Euro 500 (da cui andranno detratti i giorni pagati a titolo di malattia durante la missione).

Ai richiedenti viene inoltre rimborsato il costo del tampone effettuato esclusivamente presso strutture sanitarie private/farmacie che certifichi la positività (se non effettuato a carico del SSN), fino ad un importo massimo di Euro 50 sulla spesa effettivamente sostenuta.

  • lavoratrici e lavoratori a tempo determinato e indeterminato con missione attiva che siano in isolamento/quarantena per positività certificata di un convivente ed il cui periodo di isolamento/quarantena non sia coperto da istituti contrattuali e/o previdenziali retribuiti (es. il lavoratore deve ricorrere a permessi non retribuiti o aspettativa non retribuita)

–> riconoscimento di un sussidio di 30 euro per ogni giorno di isolamento/quarantena e fino a un importo massimo di Euro 300.

Ai richiedenti viene inoltre rimborsato il costo di 2 tamponi effettuati esclusivamente presso strutture sanitarie private/farmacie (se non effettuati a carico del SSN), fino ad un importo massimo di Euro 50 ciascuno sulla spesa effettivamente sostenuta.

Possono presentare richieste le lavoratrici/tori con contratti in somministrazione attivi o che abbiano svolto almeno 30 giorni di attività lavorativa nell’arco dei 120 giorni di calendario, nonché per i 120 giorni successivi alla cessazione del rapporto di lavoro.

La prestazione è attiva in modalità retroattiva per eventi di isolamento/quarantena in atto alla data del 13 febbraio 2021 e fino al 31 marzo 2022.

Il diritto a richiedere il sussidio decade decorsi 120 giorni dalla data di fine isolamento e/o delle spese effettuate.

Documentazione

Le richieste di rimborso possono essere inviate direttamente on line grazie all’area riservata  My Ebitemp con pochi e semplici passaggi;

oppure utilizzando il modulo da inviare tramite raccomandata a/r al seguente indirizzo:

Ebitemp C/O Cassa Mutualistica Interaziendale Viale San Gimignano, 30/32 – 20146 Milano.

allegando:

  • per le lavoratrici/tori con contratto di somministrazione a tempo determinato, copia del contratto ed eventuali proroghe;
  • per le lavoratrici/tori con contratto di somministrazione a tempo indeterminato, copia del contratto, lettere di assegnazione ed eventuali proroghe;
  • dichiarazione di cessazione del rapporto di lavoro sottoscritta dall’ApL (ipotesi sub a), vedi fac-simile;
  • copia busta paga riferita al periodo di isolamento/quarantena;
  • copia del codice fiscale del richiedente e documento d’identità;
  • esito del tampone che accerti la positività al Covid-19 del lavoratore (ipotesi sub a);
  • certificato medico che disponga l’isolamento/quarantena per positività della lavoratrice/lavoratore (ipotesi sub a);
  • certificato medico che disponga l’isolamento/quarantena per positività certificata di un convivente (ipotesi sub b). Nel caso nel certificato non sia indicato esplicitamente che si tratta di un convivente della lavoratrice/ lavoratore e che il convivente sia risultato positivo, la richiesta non potrà essere accolta.

3. Riabilitazione respiratoria per Covid-19

Per le lavoratrici e i lavoratori affetti da polmonite interstiziale scaturita da positività a Covid-19 Ebitemp prevede un contributo per prestazioni sanitarie relative a riabilitazione respiratoria. La prestazione è rivolta a tutti gli aventi diritto alle assistenze di tutela sanitaria.

Le lavoratrici e i lavoratori richiedenti (inclusi i loro familiari fiscalmente a carico, limitatamente a coniuge e figli), avranno diritto al contributo per un massimo di:

  • 3 visite pneumologiche per la copertura di un importo massimo di Euro 60 per visita;
  • ad un ciclo di fisioterapia toracica a domicilio per un massimo di 10 sedute per la copertura di un importo massimo di Euro 90.

Per il coniuge e i figli fiscalmente a carico, l’indennità verrà riproporzionata sulla base della percentuale dichiarata dalla lavoratrice o dal lavoratore richiedente.

L’erogazione del rimborso per Riabilitazione respiratoria per Covid-19 è destinata esclusivamente alle lavoratrici ed ai lavoratori con contratti di lavoro in somministrazione sia a tempo determinato che a tempo indeterminato con contratti attivi o che abbiano svolto almeno 30 giorni di attività lavorativa nell’arco di 120 giorni di calendario, nonché per i 120 giorni successivi alla cessazione del rapporto di lavoro.

Il diritto a richiedere il sussidio decade decorsi 120 giorni dalla data della fattura di saldo per la riabilitazione.

La prestazione è attiva in modalità retroattiva per eventi verificatisi a partire dal 1° gennaio 2020 e fino al 31 marzo 2022.

Il diritto a richiedere il sussidio decade decorsi 120 giorni dalla fattura di saldo della riabilitazione.

Documentazione richiesta

Le richieste di rimborso possono essere inviate direttamente on line grazie all’area riservata  My Ebitemp con pochi e semplici passaggi;

oppure utilizzando il modulo da inviare tramite raccomandata a/r al seguente indirizzo:

Ebitemp C/O Cassa Mutualistica Interaziendale Viale San Gimignano, 30/32 – 20146 Milano.

allegando:

  • per le lavoratrici con contratto di somministrazione a tempo determinato, copia del contratto ed eventuali proroghe;
  • per le lavoratrici con contratto di somministrazione a tempo indeterminato, copia del contratto, lettere di assegnazione ed eventuali proroghe;
  • copia ultima busta paga;
  • copia del codice fiscale del richiedente e documento d’identità;
  • Copia della prescrizione del medico di base o dello specialista che richiede la prestazione domiciliare conseguente a infezione da Covid-19;
  • Copia del documento di spesa (in caso di prestazioni svolte presso strutture private, per un massimale di spese suindicate).

In caso di richiesta di rimborso per familiari fiscalmente a carico (limitatamente a coniuge e figli), in aggiunta alla suddetta documentazione allegare:

  • copia del codice fiscale del paziente/familiare
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione/variazione dei familiari fiscalmente a carico.

Nel caso i familiari risultino fiscalmente a carico del lavoratore al 50% il rimborso erogato da Ebitemp sarà pari al 50% di quanto spettante.

Nel caso di recidiva dei lavoratori o dei loro i familiari a carico si potrà presentare una nuova richiesta che sarà sottoposta all’attenzione della Commissione Prestazioni che la valuterà a suo insindacabile giudizio.


ATTENZIONE:

Qualora l’istanza non sia stata inviata utilizzando la corretta sezione prestazione del portale/modulo di domanda, la richiesta inviata verrà annullata e sarà necessario presentare una nuova istanza nel rispetto delle tempistiche previste dal relativo regolamento. Ai fini dell’analisi dell’istanza, farà fede la data di ricezione della nuova pratica trasmessa.

Ebitemp monitorerà l’andamento complessivo delle singole prestazioni Covid al fine di valutarne il tiraggio ed eventuali interventi correttivi.

Per la prestazione “Tutela sanitaria” sono consentiti pagamenti tramite bonifico domiciliato o carte ricaricabili revolving solo al di sotto della soglia massima di 500 euro; per importi superiori è necessario indicare un cc bancario intestato al lavoratore/trice.

I Gestori delle assistenze si riservano la facoltà di richiedere ogni documentazione clinica e/o amministrativa utile per procedere al rimborso a norma del presente regolamento.

L’importo delle spese sanitarie oggetto di rimborso non potrà essere portato in detrazione in sede di dichiarazione dei redditi, secondo quanto previsto dalla normativa vigente.

La valutazione e l’approvazione delle richieste è sottoposta all’insindacabile giudizio della Commissione Prestazioni.

Ebitemp, a tutela dei propri diritti, si riserva ogni facoltà, compresa quella di adire le vie legali, in presenza di dichiarazioni false o documenti contraffatti o comunque in presenza di comportamenti potenzialmente idonei ad integrare gli estremi di un illecito sia civile che penale.